• Accedi
  • Nessun prodotto nel carrello.

6 consigli per trasformare la tua passione in profitto

Se vuoi trasformare la tua passione, il tuo hobby in lavoro e magari in un’impresa redditizia, prova a seguire questi pochi consigli e… buona fortuna!

1. Non contare solo sulla tua passione

Se è vero che l’entusiasmo è un ottimo punto di partenza, non è sufficiente a sostenere un business nel lungo periodo. Prima di avviare il vostro business, prendete in mano la situazione, controllate che vi siano condizioni favorevoli e assicuratevi di possedere alcuni componenti necessari per il successo, come ad esempio la voglia di lavorare sodo e un potenziale mercato disposto ad accogliere i vostri servizi o prodotti.
starting a business“Serve concentrarsi su studi di mercato, capire se la nostra offerta può interessare certe fette di pubblico, prima di lanciarsi in una nuova impresa” sostiene il professore di economia d’impresa presso la Syracuse University, “non importa quanto grande sia l’idea, se il mercato non è pronto ad accoglierla”. “Senza entusiasmo, probabilmente un’impresa non avrà successo”, afferma Doug White, consulente per piccole e medie imprese e co-autore di Let Go to Grow. Tuttavia, la passione da sola non garantisce il successo. Gli aspiranti imprenditori che vogliono trasformare il loro hobby in un business devono essere a conoscenza di alcuni fattori:
Essere bravi nella propria attività. “Questo non dovrebbe essere un problema, visto che il lavoro principale del vostro business consiste nel fare ciò di cui siete appassionati”, spiega White. “Ma abbiamo visto troppe persone acquistare un franchising o avviare un business e scoprire poi che non era ciò che gli piaceva o che non erano in grado di svolgere l’attività principale del business stesso”.
Attività accessorie. Ci sono tonnellate di funzioni accessorie che accompagnano la gestione di un’impresa. Queste includono: ordinare l’inventario, pagare le bollette, la fatturazione, la tenuta dei libri, il marketing e la vendita, oltre alla pulizia dei locali della vostra attività. “Avrete bisogno di un piano per svolgere questi compiti”, spiega White. “Potrete farlo da soli (se pensate di esserne in grado), oppure affiancatevi ad un partner”.
Delegare. Quando il business cresce, vi troverete di fronte ad una scelta da fare: o delegare il lavoro primario ad altri, oppure delegare la gestione delle operazioni accessorie a qualcun altro, in modo da poter continuare a concentrarsi sul core business da soli.

2. Assumi persone appassionate.

Attraverso l’assunzione di altre persone che condividono la vostra stessa passione, sarà più facile ottenere successo e non dovrete insistere con i vostri dipendenti perché si impegnino nell’attività, lo faranno da soli.

3. Condividi la tua passione.

Se hai un hobby, probabilmente ci sono altre persone che, come te, condividono tale interesse. Condividere la conoscenza di uno specifico settore può essere un ottimo modo per costruire il proprio business, dice Katie Weber, che ha lasciato il suo lavoro nel 2001, per trasformare il suo hobby, il feng shui, in una società di consulenza.

4. Mantieni viva la passione.

Una volta avviata l’attività, ci si può impantanare nelle attività di gestione quotidiana di una società e il vostro entusiasmo potrebbe esaurirsi. “Tenete viva la vostra passione, restando coinvolti negli aspetti che amate di più”, dice Alan Hall, fondatore di DooBizz, una risorsa gratuita che offre lezioni online in materia di imprenditorialità. ” Ricordate gli elementi che amavate di più all’inizio dell’attività, come ad esempio la creazione di un nuovo progetto, di un prodotto o un nuovo incontro con i clienti, e fate uno sforzo per includere almeno alcune di queste attività all’interno del vostro lavoro”.

5. Priorità divertimento.

Naturalmente, gli imprenditori che avviano un’attività in base ai loro interessi, considerano il proprio lavoro una forma di divertimento. Il professor Torrens afferma: “C’è una differenza sostanziale tra le aziende che hanno una cultura guidata da un imprenditore appassionato e quelli che utilizzano la passione e il divertimento come espedienti per la vendita o il reclutamento di personale. Nelle società autenticamente appassionate, tutto nasce da quella passione, comprese le persone, le politiche di branding e le relazioni della comunità”. Il lavoro deve essere divertente e appassionante per i dipendenti e per gli imprenditori.

6. Espandi la tua passione.

Quando si avvia un business basato su un interesse personale, si pensa che l’azienda sia fissa su quell’attività specifica, mentre è importante allargare la sfera degli interessi e delle idee ad attività vicine e collaterali, il più possibile originali. Un buon imprenditore deve essere aperto a sempre nuove prospettive e nuove idee, estendendo lo sguardo a nuovi orizzonti.

Fonte: entrepreneur.com

0 Giudizi su "6 consigli per trasformare la tua passione in profitto"

Lascia un Messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

©Universando.com - email: marketing@universando.com
X