• Accedi
  • Nessun prodotto nel carrello.

L’ascesa dei giganti asiatici nella ricerca scientifica/universitaria

Il ruolo crescente dell’innovazione e della produzione economica di conoscenza scientifica e l’importanza attribuita alla ricerca universitaria sono stati i temi di una conferenza, il 10° summit annuale di educazione superiore, tenutosi a Melbourne martedì 22 maggio. Il Professor Simon Marginson ha affermato che molte nazioni stanno sviluppando i loro sistemi di scienza e innovazione, a fronte di 48 paesi che nel corso del 2009 hanno pubblicato più di 1.000 articoli in campo scientifico, rispetto ai 38 del 1995 – registrando un aumento del 26%.

L’ascesa dell’Asia

ricercche dal mondo asiaticoLa crescita maggiore e più veloce nel campo della produzione scientifica si è registrata in Asia, specialmente nel Nord-est asiatico e a Singapore, con uno sviluppo della ricerca in Cina eccezionalmente rapido.
Tra il 2000 e il 2009, il numero di articoli scientifici prodotti ogni anno è aumentato in Cina ad un tasso annuo del 17% , una vera e propria svolta. Anche in Corea del Sud la ricerca è cresciuta molto rapidamente, seguita da Singapore e Taiwan. Questi sistemi erano rigorosi nella definizione di ricerca globale come standard di prestazione per le università di punta. Marginson ha mostrato come, nella ricerca orientale, la quantità è sempre stata più importante rispetto alla qualità. Nella lista delle università che hanno pubblicato il maggior numero di studi di ricerca, “Compaiono 64 università degli Stati Uniti, sei dall’Australia, e solo 12 asiatiche. Ma secondo i trend attuali, in futuro ci saranno molte più università asiatiche nella lista”. “Ad esempio, la National University di Singapore è più forte di tutte le università australiane sia in base alla quantità di ricerca che di qualità”. “Ci sono anche università asiatiche di medie dimensioni di scienza e tecnologia con tassi di pubblicazioni superiori a quello della Australian National University, come la Hong Kong UST, Postech Nankai in Corea e in Cina”: La Cina ha pubblicato il 7,5% di articoli scientifici a livello mondiale nel 2006-08, nel campo della ricerca in ingegneria, chimica, informatica e matematica. Al contrario, la Cina è ancora relativamente debole nel campo della ricerca nelle scienze umane e medicina.

Mercato globale dello studente

Per quanto riguarda il mercato studentesco mondiale, Marginson si basa su due indicatori significativi: la quota di mercato globale di studenti internazionali e l’intensità dell’attività di ricerca internazionale.
L’Istituto dell’Unione europea per gli studi strategici ha pubblicato un rapporto che dimostra entro il 2030 la classe media globale crescerà fino a 4,9 miliardi e a quel punto, più di metà della popolazione mondiale sarà considerata borghese. La crescita maggiore si registrerà in Cina e in India, in cui le nuove famiglie del ceto medio richiedono l’istruzione superiore per i loro figli..

Le relazioni presentate hanno sollecitato l’importanza dell’ampliamento del programma di formazione internazionale, spostando l’attenzione dall’aumento del reddito, alla collaborazione nella ricerca e ai ricercatori internazionali, per la promozione dei programmi di studio all’estero e più profonde esperienze interculturali di insegnamento e apprendimento per tutti studenti.

fonte: universityworldnews.com

0 Giudizi su "L’ascesa dei giganti asiatici nella ricerca scientifica/universitaria"

Lascia un Messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X