Studio e lavoro? Si può

E’ cominciato un nuovo anno accademico e, dopo le vacanze estive, molti studenti si trovano a fare i conti con i propri risparmi, accorgendosi spesso di essere al verde.

Bisogna quindi trovare una soluzione per potersi godere il proprio tempo libero, senza pesare troppo sulle spalle della famiglia.

Ma è possibile riuscire a studiare e lavorare, senza che la seconda attività penalizzi i risultati universitari?

Con una buona organizzazione e la ricerca di un lavoro adatto, che permetta di gestire il proprio tempo, è possibile continuare a studiare, riuscendo a mettere da parte qualche soldo per sé.

studente lavoratoreQuali sono quindi i lavori più adatti per chi studia, ma vuole anche guadagnare?

Hostess e promoter: spesso le fiere o le catene di supermercati cercano per i week end, o per periodi di tempo relativamente brevi, hostess e promoter. La rotazione del personale è molto rapida e le richieste sempre tante, quindi c’è un’ampia possibilità di essere prese. Per prendere contatti bisogna visitare i siti delle singole fiere e inviare il proprio curriculum e candidarsi presso le agenzie che offrono servizi di hostess e sorveglianza.

Insegnante per lezioni private: questo è il lavoro più classico, con cui si cimenta la maggior parte degli studenti. Dare lezioni private permette di gestire il proprio tempo tra studio e lavoro e spesso è semplice trovare contatti utili, basta spargere la voce tra i conoscenti o lasciare il proprio contatto in scuole e biblioteche. Non tutti sono portati per l’insegnamento e soprattutto bisogna accettare studenti solo nelle materie che si amano particolarmente.

Barman/Cameriere: anche questo è un lavoro molto diffuso tra gli studenti, molte strutture infatti richiedono personale solo per orari serali o per i week end. Può essere interessante e remunerativo, ma spesso è anche stancante fisicamente.

Scrittore freelance per giornali e siti web: per chi ama scrivere e desidera magari farne una professione, questa può essere un’esperienza interessante e che valorizza il curriculum. Il lavoro, spesso, però, non è molto remunerativo e non sempre è pagato ai livelli di professionalità richiesti.

Lavoro presso l’Università: molte università danno la possibilità agli studenti di lavorare per 140 ore, per poter gestire alcune priorità o incombenze. Bisogna informarsi presso gli sportelli competenti per candidarsi come studenti che possono essere contattati per questi lavori temporanei.

Lavoro presso call center

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.